SETTIMANA SANTA 2017 - LE FOTOGRAFIE

I PROSSIMI EVENTI A PIANO DI SORRENTO

Piano di Sorrento su Facebook

Clicca qui per aderire al Gruppo "Carottesi su Facebook" La comunità virtuale di tutti noi carottesi in cui si discute, si ci diverte e si cerca di proporre idee ed iniziative

Clicca qui per divenire Fan di Piano di Sorrento Per essere davvero in tanti a dirci orgogliosi di una Città come Piano di Sorrento

lunedì 9 ottobre 2017

IN CERCA DI UNA POLITICA PER I BENI CULTRALI

22220075_10209919742893567_6208206086106596450_o

lunedì 2 ottobre 2017

FRATTE DI SALERNO: QUALE IDENTITA’? – Centro Culturale Comunale

21767942_10214368521231130_162135359027699753_n

domenica 1 ottobre 2017

FESTA DI SAN MICHELE–IL PROGRAMMA DI OGGI

Domenica 1° ottobre 2017

021

ore 19,00 
Chiesa di Santa Teresa

GIUSEPPE GAMBI

Tenore

“Quando il canto tocca l’anima”

Nello-Daniele-01

ore 20,00 – Piazza Cota

NELLO DANIELE

in

“OMAGGIO A PINO”

Schettino-visore.46210_big

ore 21,oo – Piazza Cota

SIMONE SCHETTINO

sabato 30 settembre 2017

FESTA DI SAN MICHELE–IL PROGRAMMA DI OGGI

Sabato 30 settembre 2017

monica-sarnelli-ridere-2017

ore 20,00 – Piazza Cota

MONICA SARNELLI

LIVE

DITELO_VOI

ore 21,00 – Piazza Cota

I DITELO VOI

venerdì 29 settembre 2017

FESTA DI SAN MICHELE–IL PROGRAMMA DI OGGI

Venerdì 29 settembre 2017

14500618_10154159957188547_769812428072727438_o

ore 10,30 – Piazza Cota

Deposizione Corona d’alloro al Monumento ai Caduti
e sfilata della banda per le vie cittadine

ore 12,00 – Piazza Cota

Matinée musicale

school of rock

ore 20,00 – Piazza Cota

School of Rock
Teatro delle Rose

maxresdefault

ore 21,00 – Piazza Cota

Gruppo musicale

ALLERIJA
in concerto

martedì 26 settembre 2017

FESTA DI SAN MICHELE–DISPOSITIVO TRAFFICO

polizia-LOCALEAnche la Festa di San Michele quest’anno risente del clima internazionale e le prescrizioni per garantire a tutti la serenità e la sicurezza si fanno giustamente più stringenti. Sintetizzando quello che poi leggerete nel dettaglio diciamo che la sosta dei veicoli sarà vietata su Corso Italia a partire dalla sera del 27 sino alle 24 del 1° ottobre. Che nei giorni della festa il Corso sarà chiuso al traffico dalle 18,00 alle 24,00 e nelle altre ore sarà vietato il transito agli autobus (esclusi quelli EAV) ed agli autocarri fino a 35 q.li. Cosa ancora più importante il traffico veicolare dal 28 settembre alle 14,00 sino a tutto il 1° ottobre, nei periodi di apertura al traffico del Corso, dovrà rispettare come limite di velocità massimo i 10 km/h.

Ed ora riportiamo integralmente il dispositivo di traffico per la Festa Patronale: (come da ordinanza n. 116 del 26/09/2017)

  • in Corso Italia dall’intersezione con via Bagnulo fino a quella con Piazza della Repubblica, Piazza della Repubblica tutta, via delle Rose dall’intersezione con il Corso Italia fino all’altezza del Distributore di carburante, il divieto di sosta con rimozione per tutti i veicoli, dalle ore 22.00 del giorno 27.09.2017 alle ore 24.00 del giorno 01.10.2017;
  • in Piazza Cota, compresa la traversa retrostante la casa comunale, nei giorni 29, 30.09.2017 e 01.10.2017, il divieto di sosta con rimozione per tutti i veicoli dalle ore 16.30 alle ore 24.00, ed il divieto di transito, dalle ore 18.00 alle ore 24.00, nonché in quella parte di Piazza interessata dal montaggio del palco nelle ore e nei giorni che verranno successivamente indicati e resi noti al pubblico nei modi e termini di legge. Al termine del montaggio del palco e fino al termine della manifestazione, verrà istituito il senso unico di marcia direzione monte-mare, eccetto i residenti, in via Casa Rosa e, nella stessa direzione, verrà consentito, ove e quando possibile, il transito nella traversa retrostante la casa comunale;
  • in Corso Italia, per consentire lo scarico delle merci e l’allestimento dei banchi di vendita, il giorno 28.09.2017 dalle ore 14.00 fino al termine delle operazioni o al massimo fino alle 17.00, il divieto di transito per tutti i veicoli. Inoltre dalla data sopra indicata e fino allo smontaggio degli stand espositivi, viene istituito il limite di velocità massima di 10 Km/h;
  • in Corso Italia e Piazza della Repubblica nei giorni 29, 30.09.2017 e 01.10.2017 dalle ore 18.00 alle ore 24.00, il divieto di transito per tutti i veicoli. Inoltre dalle ore 9.30 alle ore 24.00 dei giorni indicati, il divieto di transito per tutti gli autobus e per gli autocarri fino a 35 q.li (con eccezione della linea EAVBUS per Sorrento che potrà circolare fino alle ore 18.00)
  • in via Cavottole nei giorni 29, 30.09.2017 e 01.10.2017 dalle ore 16.30 alle ore 24.00 ed il giorno 28.09.2017 dalle ore 14.00 alle ore 24.00, il divieto di sosta con rimozione per tutti i veicoli ed il doppio senso di circolazione dall’intersezione con via S. Teresa fino all’ingresso del Parcheggio Cavottole;
  • in via delle Rose dall’intersezione con via Mercato fino a quella con il Corso Italia, nei giorni 28, 29, 30.09.2017 e 01.10.2017, il senso unico di marcia con direzione mare-monte

giovedì 21 settembre 2017

CONSULTE – IL COMUNE DI PIANO RIAPRE I TERMINI

Il Comune di Piano di Sorrento riapre i termini per la presentazione delle manifestazioni di interesse da parte dei singoli cittadini finalizzate alla nomina dei nove componenti per ciascuna delle seguenti consulte:

1) Consulta delle Attività produttive e del Turismo;

2) Consulta delle attività culturali-artistiche dello sport e del tempo libero;

3) Consulta dell’Ambiente, Territorio, Ordine Pubblico, Viabilità e Protezione Civile;

4) Consulta delle attività sociali e dell’Istruzione;

5) Consulta dei Borghi di Piano di Sorrento;

il nuovo termine è fissato per il giorno 15 novembre 2017. Per chi fosse interessato alleghiamo il modulo per presentare la domanda. Si precisa che ogni singolo cittadino puo’ presentare domanda per una sola delle consulte.

avvisodapubblicare0006-00

mercoledì 20 settembre 2017

GIUSPATRONATO E LAMPIONI A LED…..

tricornoA distanza di qualche giorno mi tocca tornare sul tema a me caro del giuspatronato. Ci debbo tornare poiché sui social e su qualche giornale il dibattito s’infiamma e spesso si scrive senza cognizione di causa. In primo luogo occorre sfrondare i vari interventi da tutta l’inutile retorica di cui sono infarciti. Ripuliti gli interventi di questi unitili orpelli che servono solo a mascherare l’esiguità degli argomenti di chi cerca di affossare una bella tradizione di concreto rimane ben poco, poco che cercherò di andare a d esaminare.

Chi siamo noi per giudicare un sacerdote?”

E’ vero che noi cittadini nel votare operiamo una scelta e quindi “giudichiamo”, ma giudichiamo solamente chi, a nostro parere, è il sacerdote più adatto a guidare la parrocchia in base a parametri squisitamente soggettivi. Voler forzare la mano ed intendere tale giudizio esteso alla stessa figura dei sacerdoti candidati vuol dire non conoscere il regolamento diocesano che porta all’elezione del Parroco.

La procedura inizia con una cinquina di sacerdoti che viene scelta dal presbiterio diocesano con voto segreto tra tutti i sacerdoti dell’Archidiocesi che abbiano le doti e le attitudini spirituali, morali, pastorali e culturali per reggere il popolo di quella determinata parrocchia (art. 4). Il Vescovo, sentito il Consiglio Presbiterale Diocesano, da quella cinquina ne sceglierà tre da sottoporre al voto popolare (art. 6). E’ chiaro che da una simile e qualificata selezione emergeranno tre sacerdoti le cui qualità non possono essere messe in discussione. Quindi nel voto non giudichiamo il sacerdote in quanto tale ma si esprime solo una preferenza su chi dei tre, le cui qualità sono state già acclarate con una procedura ben codificata, sia a nostro avviso il parroco ideale.

Il diritto di giuspatronato è anacronistico anche perché ormai nessuna famiglia contribuisce al sostentamento del clero e della parrocchia”

Questa è un’altra delle obiezioni più frequenti con cui chi, come me, difende questa tradizione deve scontrarsi. Anche questa sembra un’argomentazione difficile da demolire, sembra a chi non conosce la storia e non si prende la briga di documentarsi. Sull’anacronismo dobbiamo convenire che la Chiesa è infarcita di Riti anacronistici che visti da chi è culturalmente lontano da essa sembrano senza senso. Io adoro i Riti della Settimana Santa quindi vi prego di non fraintendermi e non montare un caso anzi vi chiedo con me di fare uno sforzo e per un momento guardare a questi Riti con gli occhi di un alieno. Vedreste in una notte di inizio primavera centinaia di adulti in giro per le vie del paese incappucciati e recanti vassoi pieni di cianfrusaglie (dadi, guanti, monete etc.) alla luce di lanterne a cera, più anacronistico di questo! Eppure per noi carottesi tutto ha un senso, tutto ha una ragione e mai ci sogneremmo di definire questi riti secolari anacronistici, di certo sarebbe più consono utilizzare ad esempio luci led al posto delle lanterne di cera ma ovviamente si rispetta la tradizione.

Sul sostegno economico alla parrocchia, che è fondamento del giuspatronato, bisogna ammettere che attualmente le famiglie non finanziano più con regolarità il nostro clero anche se in caso di necessità sono sempre intervenute, si pensi alla raccolta fondi per il restauro della nostra Basilica dopo il terremoto del 1980 o alla realizzazione delle porte di bronzo, ma la risposta sul permanere del diritto di giuspatronato la ritroviamo come spesso accade nella Storia.

C’è un prezioso libretto di don Vincenzo Simeoli intitolato appunto “Jus Patronatus” che venne dato alle stampe nel luglio del 2000 in soli 200 esemplari. Dal testo apprendiamo che il 10 ottobre 1822 Re Ferdinando con un editto invitò i patroni a pagare il dovuto per il mantenimento del clero. L’invito non venne rispettato dalle 7 parrocchie e quindi il diritto di giuspatronato doveva considerarsi estinto. Accadde però che gli arcivescovi del tempo con esplicita dichiarazione fecero conoscere che volevano che i figliani di quelle parrocchie rimanessero nel loro diritto a condizione che entro 6 mesi avessero provveduto all’integrazione delle doti così come previsto dall’editto di Re Ferdinando I. Nell’archivio della Curia sono conservati gli atti notarili che vincolavano le rendite per il fine stabilito e questi atti sono inseriti nella pratica di elezione di ogni parroco eletto dopo il 1822. Quindi quelle rendite dai nostri avi vincolate alle necessità delle parrocchie ancora esistono ed ancora producono reddito e l’hanno prodotto in tutti questi decenni ed è su questa base che si fonda il permanere del diritto di giuspatronato. Ed è per questo che il Vescovo o il Papa non potranno mai revocarlo se non con un accordo con la controparte (noi fedeli), il nostro giuspatronato non è un privilegio ma un diritto derivante da un onere che tuttora grava sulla collettività (mancato godimento di quelle rendite da parte nostra a favore delle parrocchie). Quindi il tutto puo’ configurarsi come un vero e proprio contratto cui la singola parte (fosse pure il Papa) non puo’ derogare.

Vi sono poi altre obiezioni di minore o nulla importanza, c’è chi paventa un pericolo di divisione tra i fedeli a causa di una eventuale campagna elettorale citando esempi recenti. Beh in una tradizione secolare di eventi del genere se ne ricorda solamente uno, quello recentissimo relativo all’ultima elezione, un po’ deboluccia come motivazione, se su 100 elezione una è andata male è quest’ultima l’eccezione e non la regola! Leggere poi che le elezioni sono “scempio ecclesiale opera del demonio” e che tale dichiarazioni arrivano dall’ultimo dei parroci eletti mi fa cadere letteralmente le braccia, dichiarazioni come queste sono anacronistiche e prive di senso!!!

Altra ridicola obiezione è che potrebbero recarsi alle urne anche i non battezzati. In teoria il problema si porrebbe ma in primo luogo la percentuale dei non battezzati è irrisoria rispetto al totale degli aventi diritto e se pure nell’improbabile ipotesi si recassero tutti a votare influenzerebbero poco l’esito della consultazione. Poi mi chiedo per quale motivo dovrebbero recarsi a votare? E se pure lo facessero che danno potrebbero fare? La scelta è comunque limitata a tre sacerdoti scelti con i metodi di cui sopra e quindi tutti meritori e di provata fede e capacità.

Insomma la lotta continua, non con le carte bollate (quelle le lasciamo volentieri ad altri), ma con lo spirito di chi vuole documentarsi e documentare perché questi, pur nel contrasto, sono eventi che fanno crescere la conoscenza della nostra storia e la consapevolezza che le nostre tradizioni sono preziosi tesori da custodire, preservare e tramandare, TUTTE senza eccezioni.

piano di una volta